sabato 1 agosto 2009

SIAMO VICINI AL DOLORE DEL PAPA' MARCO E DELLA SUA FAMIGLIA



Il ricordo di Paolo Dal Fior Martedì 28 Luglio 2009 13:52 VF
L'INCIDENTE
In casa Dal Fior nessuno se la sente di parlare. Chiusi nella loro abitazione di via Magatti preferiscono vivere il dolore della perdita del figlio Paolo in famiglia. Il papà, caporedattore del Corriere della Sera ricorda il figlio con poche parole.
UN RAGAZZO RISERVATO
"Un ragazzo silenzioso e riservato - Così lo ricorda il papà Marco -. Aveva un legame particolare con sua sorella Claudia. Con lei parlava e si confidava, erano molto legati". Un giovane sempre sorridente, scherzoso ma riflessivo.
GRANDE STUDIOSO
Laureato in economia all'università Bocconi di Milano, Paolo stava per partire per l'erasmus. "Sarebbe andato ad Helsinki a gennaio per completare gli studi della specialistica - racconta il papà -. Si è laureato a pieni voti, è sempre stato bravo a scuola".
FREQUENTAVA L'ORATORIO
"Era sempre in oratorio a San Vittore - continua il papà -. Si occupava del sito internet della squadra di calcio". Paolo era il capitano dell'Osvi la squadra in cui giocavano anche gli amici Andrea e Luca, morti anche loro nell'incidente sull'A8. Giocava nel ruolo di difensore e si occupava di gestire il forum sul sito della parrocchia. "L'Osvi San Vittore OPEN è la squadra di calcio dei più "grandi" (per certi versi solo di età, non di cervello!)" aveva scritto nella presentazione on line.
UN CUOCO PROVETTO
Tra le tante passioni di Paolo c'era anche quella per la cucina. Gli piaceva dilettarsi tra i fornelli e cucinare per gli amici. "Erano sempre tutti qui a casa - ricorda il padre -. Tutti gli amici venivano spesso a cena da noi e lui cucinava per loro. Grigliavano in terrazza. Anche in vacanza con l'oratorio faceva sempre l'aiuto cuoco negli alberghi in cui soggiornavano". Per le vacanze sarebbero partiti a breve. Tutti insieme, la compagnia con cui ieri sera Paolo stava andando a cena a Gallarate prima del tragico incidente. "Sarebbero partiti lunedì - racconta - per andare a casa nostra ad Alassio a trascorrere le vacanze".
Posta un commento