sabato 31 marzo 2007

DEGLI AMICI SCRIVONO

CELEBRAZIONE DELLA PENITENZA CON I GIOVANI DELLA DIOCESI DI ROMA IN PREPARAZIONE ALLA XXII GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTÙ


"Questa sera, accostandovi al Sacramento della confessione, potrete fare l’esperienza del “dono gratuito che Dio ci fa della sua vita, infusa nella nostra anima dallo Spirito Santo per guarirla dal peccato e santificarla” (CCC, 1999) affinché, uniti a Cristo, diventiamo creature nuove (cfr 2 Cor 5,17-18)."

"Nel cuore di ogni uomo, mendicante di amore, c’è sete di amore. Il mio amato Predecessore, il Servo di Dio Giovanni Paolo II, scriveva già nella sua prima Enciclica Redemptor hominis: “L’uomo non può vivere senza amore. Egli rimane per se stesso un essere incomprensibile, la sua vita è priva di senso, se non gli viene rivelato l’amore, se non s’incontra con l’amore, se non lo sperimenta e non lo fa proprio, se non vi partecipa pienamente”"

"Voi, giovani fidanzati, vivete il fidanzamento nell’amore vero, che comporta sempre il reciproco rispetto, casto e responsabile. Se il Signore chiama alcuni di voi, cari giovani amici di Roma, ad una vita di particolare consacrazione siate pronti a rispondere con un “sì” generoso e senza compromessi."

BENEDETTO XVI ANGELUS 25 MARZO


"Il 25 marzo ricorre la solennità dell’Annunciazione della Beata Vergine Maria. Quest’anno essa coincide con una Domenica di Quaresima e perciò verrà celebrata domani. Vorrei comunque ora soffermarmi su questo stupendo mistero della fede, che contempliamo ogni giorno nella recita dell’Angelus. L’Annunciazione, narrata all’inizio del Vangelo di san Luca, è un avvenimento umile, nascosto – nessuno lo vide, nessuno lo conobbe, se non Maria –, ma al tempo stesso decisivo per la storia dell’umanità. Quando la Vergine disse il suo "sì" all’annuncio dell’Angelo, Gesù fu concepito e con Lui incominciò la nuova era della storia, che sarebbe stata poi sancita nella Pasqua come "nuova ed eterna Alleanza". In realtà, il "sì" di Maria è il riflesso perfetto di quello di Cristo stesso quando entrò nel mondo"....

VISITA PASTORALE ALLA PARROCCHIA ROMANA DI SANTA FELICITA E FIGLI MARTIRI

SANTA FELICITA E FIGLI MARTIRI

"Per loro intercessione vi conceda il Signore di incontrare sempre più in profondità Cristo e di seguirlo con docile fedeltà perché, come avvenne per l’apostolo Paolo, anche voi possiate con sincerità proclamare: "Tutto io reputo una perdita di fronte alla sublimità della conoscenza di Cristo Gesù, mio Signore per il quale ho lasciato perdere tutte queste cose e le considero come spazzatura al fine di guadagnare "Cristo" (Fil 3,8).

UDIENZA DEL MERCOLEDI' 28 MARZO


UDIENZA GENERALE
Piazza San Pietro
Mercoledì, 28 marzo 2007
Sant'Ireneo di Lione

"Occorre «difendere la vera dottrina dagli assalti degli eretici ed esporre con chiarezza la verità della fede». Il Papa all’udienza generale del mercoledì, in piazza San Pietro, prende spunto dalla figura di Sant’Ireneo di Lione per spiegare che «non esiste un cristianesimo superiore per gli intellettuali» ma «la fede pubblicamante confessata è la fede comune per tutti."

venerdì 30 marzo 2007

PRIMA TESTIMONIANZA RICEVUTA


La prima testimonianza e' arrivata.
E' importante ringraziare la persona che ha rotto il ghiaccio.
E' una ragazza giovane appena laureata che ha condiviso con noi i giorni a Roma.
Prendiamo esempio dai giovani e cerchiamo di utilizzare questo strumento.

TOMMASO 8 SETTIMANE


AUGURI CARO TOMMASO!
I NONNI AGELA E BRUNO
LA NONNA TIZIANA E LO ZIO GIOVANNI
IL NONNO CLAUDIO E' LI DA TE E PARTECIPA AL TUO BATTESIMO.






L'ORDINE SI ACCANISCE CONTRO FARINA


La nostra povera societa' si manifesta nella sua poverta'.
Hanno trovato dove lanciare pietre.
Schiacciano chi ci aiuta a vivere la vita in modo serio.
Nessuno si irrita con quei giornalisti che per soldi e per scoop giocano a fare gli eroi,per poi piangere e supplicare la liberazione.
Non importa se per causa loro poi muoiono persone che sono corse in loro aiuto.
Tornano vincitori,con le mani che gridano vittoria,solo pochi giorni dopo aver visto uccidere il proprio autista e aver saputo che la moglie ha perso il figlio che attendeva.Farina probabilmente e' un giornalista scomodo meglio toglierlo di mezzo.
POVERA ITALIA!!!!

LETTERA CHE DON CARRON HA INVIATO DOPO L'UDIENZA DEL 24 MARZO


Scrivi qui il riassunto del POST

MATTUTINO

30 Marzo 2007
MATTUTINO (G RAVASIO)
l'infinita stupidità

CON ISLAM E GIUDAISMO IN COMUNE NON C'E' SOLO LA FEDE NELL'UNICO DIO,MA ANCHE LA FIDUCIA NELLA RAGIONE


Schönborn, dal logos al dialogo

«Sulla difesa della vita, ricordo le parole del mio predecessore, il cardinale König: "L’uomo deve morire non per mano di un altro uomo, ma mano nella mano di un altro uomo"»

DALLA GERMANIA L' ORSETTO IN ONORE DI BENEDETTO XVI


Dalla Germania l'orsetto in onore di Benedetto XVI

Sono stati lanciati in Germania orsi di peluche in onore di papa Benedetto XVI. Niente di blasfemo, anzi, nell'iniziativa della Hermann, storica ditta specializzata negli orsacchiotti, che ha prodotto tre varianti in serie limitata. La prima è dedicata all'ottantesimo compleanno del pontefice, il prossimo 16 aprile, mentre le due altre sono un omaggio a Benedetto XVI. Gli orsetti papali saranno prodotti in ottocento esemplari per ogni versione, mentre ognuna costerà circa centottanta euro

LA CHIESA AFFONDA L'INCOERENZA













IL CRISTIANO NON E' L'UOMO COERENTE
MA QUELLO CHE SEGUE

L'articolo comparso su Tempi di Davide Rondoni,rende molto attuale la figura del giovane ricco.
Un bravo giovane,certamente pieno di buone intenzione ma desideroso di seguire un suo progetto.
Non vuole ascoltare,vuole solo che gli vengano date delle leggi morali.
"vieni e seguimi"questa e' la proposta rivoluzionaria del cristianesimo.
Questo stanno facendo i nostri vescovi.
Il Papa ci richiama sulla strada che Cristo ha indicato.
Vivere il cristianesimo non e' aderire a funzioni e leggi ma un seguire il nostro pastore.E' un movimento che deve provocare ogni nostra azione.
Il cambiamento dell'uomo e' provocato solo da questo starci:stare seguire non e' un limite ma una dilatazione della liberta'

Nessun nostro progetto(pur buono)supera il saper seguire.

giovedì 29 marzo 2007

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA


Ringraziamo il nostro Padre Benedetto XVI e tutti i nostri vescovi.
Con grande attenzione e perseveranza ci aiutano a camminare sulla strada della vera felicita'
Senza timore,accettando critiche ,hanno preso la difesa della famiglia riportandola alla sua dignita'.
Ciascuno di noi e' chiamato a testimoniare e ad andare a fondo delle ragioni della propria scelta vocazionale.
Senza il loro aiuto saremmo un gregge perso,spaurito .
Mai come oggi abbiamo necessita' di riprendere le nostre originie di testimoniare con la vita la nostra appartenenza a Cristo.
Solo cosi' potremo aprirci al mondo e abbracciare tutte le diversita'.


Nota del Consiglio Episcopale Permanente a riguardo della famiglia fondata sul matrimonio e di iniziative legislative in materia di unioni di fatto

mercoledì 28 marzo 2007

MOMENTI SCOLASTICI


A scuola Giovanni ha trovato un ambiente molto accogliente.
E' la scuola del paese:lui e' sereno e si sente voluto bene.
Lavora in classe senza disturbare,rispettando il lavoro degli amici.
Trascorre 28 ore settimanali stando in classe.Oggi le maestre hanno detto che sono veramente contente di averlo in classe e non speravano che si potesse inserire cosi' bene con i compagni .Ha superato ogni aspettativa di socializzazione.Anche per la comunicazione hanno detto che non hanno difficolta' a comprendere le sue richieste.

L'INFERNO ESISTE MA SOLO PER I POLITICI


«Tardi ti ho amato, o Bellezza sempre antica e sempre nuova, tardi ti ho amato! Ed ecco tu eri dentro di me e io ero fuori e là ti cercavo ed io nella mia deformità mi gettavo sulle cose ben fatte che tu avevi creato. Tu eri con me ed io non ero con te. Quelle bellezze esteriori mi tenevano lontano da te e tuttavia se esse non fossero state in te non sarebbero affatto esistite. Tu mi hai chiamato e hai squarciato la mia sordità; tu hai brillato su di me e hai dissipato la mia cecità. Tu hai emanato la tua fragranza e io ho sentito il tuo profumo e ora ti bramo. Ho gustato e ora ho fame e sete. Tu mi hai toccato e io bramo la tua pace"


TRASFORMARSI IN MENDICANTI


Don Julian Carron che guida il popolo di Comunione e Liberazione dopo la morte di don Luigi Giussani ha invitato tutti quelli che lo seguono a trasformarsi in «un mendicante: l’uomo più realista perché si riconosce bisognoso di tutto». In questo mondo dove tutti invitano a cercare di “contare” a qualsiasi costo, questi che riempiono silenziosamente le piazze cantando lodi a una voce sola sono i veri rivoluzionari


NEONATI PREMATURI:RIANIMAZIONE E SOPRAVVIVENZA


Neonati prematuri: rianimazione e sopravvivenza
ROMA, domenica, 25 marzo 2007 (ZENIT.org).- Pubblichiamo di seguito per la rubrica di Bioetica l’intervento di Carlo Valerio Bellieni, Dirigente del Dipartimento Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico Universitario "Le Scotte" di Siena e membro della Pontificia Accademia Pro Vita.

ROMARIO IN SENATO PER LA FIGLIA DOWN


Lorenza di Rimini ci ha segnalato quest'articolo.
"Mercoledì sera a Brasilia Romario è entrato in campo insieme alla figlia Ivy, due anni, affetta da sindrome di Down. Sulla maglia dei giocatori carioca c'era la scritta: "Amigos nao contan cromosomios". Poche ore prima lo stesso Romario era stato ricevuto in senato, insieme alla moglie Isabela e alla stessa Ivy per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla sindrome di Down."

martedì 27 marzo 2007

DIETRO LA CROCE


DIETRO LA CROCE
Di MONS, Massimo Camisasca 09/03/2007

RACCOGLIAMO TUTTE LE TESTIMONIANZE SULL'INCONTRO A ROMA.


CHE COSA HA VOLUTO DIRE PER NOI ANDARE AD INCONTRARE IL PAPA?
Mandate le vostre testimonianze che raccoglieremo all'interno di questa pagina.
La mia mail e' tiziana.caggioni@virgilio.it

lunedì 26 marzo 2007

L'INCONTRO CON IL PAPA DI SABATO 24 MARZO



Alle ore 12 , in Piazza San Pietro, il Santo Padre Benedetto XVI ha incontrato gli oltre 80.000 partecipanti al Pellegrinaggio promosso dalla Fraternità di Comunione e Liberazione in occasione del XXV anniversario del riconoscimento pontificio della Fraternità, e ha loro rivolto il discorso che riportiamo di seguito:
• DISCORSO DEL SANTO PADRE ....


IL PAPA PARLA AI PARTECIPANTI DEL CONGRESSO"I CINQUANTA ANNI DEI TRATTAMENTI DI ROMA



RATZINGHER RICORDA DON GIUSSANI;"IL MIO VERO AMICO"


Articolo di Renato Farina...
(all'interno inserisco anche due articoli comparsi sul il gionale.Uno comparso sulla stampa.)

RATZINGER CELEBRA" L'AMICO" DON GIUSSANI


«Il mio primo pensiero va al vostro fondatore, Luigi Giussani, al quale mi legano tanti ricordi», dice Papa Ratzinger, aggiungendo a braccio: «e che mi era diventato un vero amico». Piove e fa freddo. La piazza San Pietro è squassata dal vento ma il clima dell’incontro sembra non risentire delle circostanze atmosferiche.

INTERVISTA A JULIAN CARRON


Luca Collodi ha intervistato don Julian Carron, il sacerdote alla guida del movimento dopo la morte di don Giussani, avvenuta nel febbraio del 2005:

venerdì 23 marzo 2007

TOMMASO 7 SETTIMANE


CIAO AUGURI DAI NONNI ANGELA BRUNO CLAUDIO TIZIANA E ZIO GIOVANNI

UDIENZA GENERALE BENEDETTO XVI 21 MARZO 2007



IL PAPA SABATO INCONTRERA' IL MOVIMENTO DI COMUNIONE E LIBERAZIONE



Questa è la prima volta che il movimento di CL e la sua leadership si incontrano ufficialmente con il papa, dopo la morte del fondatore don Luigi Giussani, avvenuta il 22 febbraio del 2005. Da cardinale, papa Ratzinger non ha mai nascosto la sua stima per don Giussani e il suo movimento. Ed è toccato proprio a lui, come legato papale, presiedere la liturgia per il funerale del fondatore di CL, da lui definito “caro amico”. Davanti alle migliaia di persone dentro e fuori il duomo di Milano, l’allora cardinale Ratzinger aveva parlato di don Giussani, come un uomo dalla "fede imperterrita", che ha "guadagnato molti cuori a Cristo" testimoniando un cristianesimo non ridotto a "pacchetto di dogmi" ma come "storia d'amore"e "innamoramento in Cristo".....
(qui sotto riporto anche la lettera che Carron ha mandato ai membri della fraternita' in occasione di quest'incontro)

giovedì 22 marzo 2007

PARLA DI PANE E GIUSTIZIA L'ESORTAZIONE FRAINTESA



«Ora, all'alba del terzo millennio è venuto il vostro turno di andare nel mondo a predicare il messaggio dei Dieci Comandamenti e delle Beatitudini», incita Wojtyla, rivolgendosi soprattutto ai giovani, la stragrande maggioranza degli ottantamila che sono venuti a sentirlo nel cuore storico della religione cristiana.




Abbracciare la Sua strada non significa vivere un rapporto intimistico.
Non sono sufficienti le adesioni personali a certi momenti che la chiesa propone.
Il PAPA ha richiamato ogni cristiano a riprendere in mano le sue responsabilita'.
"Cristo tutto in tutti"Cristo deve diventare per ciascuno di noi paragone in tutta la nostra giornata.
Dio ha sacrificato suo Figlio non solo per alcuni.
Cristo e' venuto per la liberazione dell'uomo.
Siamo responsabili verso gli altri.
Il compito della testimonianza ci e' stato affidato e non e' possibile mettere Cristo nelle sacrestie.
Qui sotto riporto un articolo di Gianni Menghetti (commento all'esortazione post sinodale)

mercoledì 21 marzo 2007

CELEBRARE BENE LA MESSA PER AVVICINARE ANCHE I LAICI


..."L'eucaristia dunque, non solo e' al centro, e' l'espressione ultima del mistero di Cristo, ma e' al centro della Chiesa, costituisce il cuore profondo della Chiesa."

articolo di Luigi Negri(*Vescovo di San Marino-Montefeltro)

PIU' FAMIGLIA


"Come cittadini e come cattolici affermiamo che ciò che è bene per la famiglia è bene per il Paese. Perciò la difenderemo con le modalità più opportune da ogni tentativo di indebolirla sul piano sociale, culturale o legislativo. E chiederemo politiche sociali audaci e impegnative."

martedì 20 marzo 2007

FAMIGLIA CONVIVENZA CHE STA SUCCEDENDO


La nostra Costituzione non dà una definizione di famiglia, afferma soltanto che è una “società naturale fondata sul matrimonio”. Matrimonio è un impegno davanti alla società in cui uomo e donna si scambiano la volontà di assumersi diritti e doveri. La Costituzione riconosce la famiglia dall’esperienza concreta di migliaia di anni e di milioni di persone.

VISITA DEL SANTO PADRE ALL’ISTITUTO PENALE PER MINORI"CASAL DEL MARMO" DI ROMA ,18.03.2007


"Pur avendo tutto ciò che si desidera, si è talora infelici; si potrebbe invece essere privi di tutto, persino della libertà o della salute, ed essere in pace e nella gioia, se dentro il cuore c’è Dio. Il segreto, dunque, sta qui: occorre che Dio occupi sempre il primo posto nella nostra vita. Ed il vero volto di Dio ce lo ha rivelato Gesù."

NECESSITA' DI TRADURRE TESTI ITALIANI IN SPAGNOLO



Qualcuno di voi saprebbe aiutare questa amica argentina?
Avrebbe bisogno di trovare qualcuno disposto a tradurre alcuni documenti del gruppo "amici di Giovanni"in spagnolo.
Desiderano in questo modo essere aiutati nel loro cammino.


Utilizzo il blog per farvi una richiesta.Ci ha scritto un' amica dall'argentina .
Ci dice che un loro amico gli ha fatto conoscere il gruppo "amici di Giovanni " attraverso il sito.
Anche loro hanno un bimbo diagnosticato TGD penso che sia una forma di autismo.
Non sappiamo in che misura sia colpito...

lunedì 19 marzo 2007

19 MARZO " SAN GIUSEPPE"



Oggi festa di San Giuseppe,sposo di Maria padre putativo di Gesu'.
Si parla poco di Giuseppe,il Giusto.
La sua persona e' la piu' vicina alla nostra.
La sua fatica ,il suo dramma ,la sua difficolta' ad aderire.
Un uomo come tutti noi scelto da Dio ma non sottratto al peccato originale.
Gli e' stata chiesta un'adesione totale,un abbraccio totale.
Cristo e' stato tutto nella sua vita,ha veramente sconvolto cambiato tutta la sua vita.
Ogni suio progetto ogni sua ambizione e' stata messa da parte per aderire al progetto che Dio aveva su di lui.
E' quello che ci viene chiesto anche a noi.
Impariamo da lui ad abbracciare sempre piu' il Suo disegno.
La recensione che metto all'interno "l'ombra del padre " potrebbe far nascere il desiderio di leggere un libro veramente bello.

sabato 17 marzo 2007

NUOVA POSSIBILITA'

Ho aggiunto due link che potete cliccare.
1)e' il sito degli amici di giovanni(famiglie per l'accoglienza)
2)e' la rassegna stampa quotidiana
3)e' il sito di comunione e liberazione

RIFLESSIONI DEL PAPA SULL'IMPORTANZA DEL SACRAMENTO DELLA PENITENZA


Con i gesti e le parole sacramentali, i sacerdoti rendono visibile soprattutto l’amore di Dio, che in Cristo si è rivelato in pienezza. Nell’amministrare il Sacramento del perdono e della riconciliazione, il presbitero - ricorda il Catechismo della Chiesa Cattolica - agisce come "il segno e lo strumento dell'amore misericordioso di Dio verso il peccatore" (n. 1465). Ciò che avviene in questo sacramento è pertanto innanzitutto mistero di amore, opera dell'amore misericordioso del Signore.
"Dio è amore" (1 Gv 4,16): in questa semplice affermazione l’evangelista Giovanni ha racchiuso la rivelazione dell’intero mistero di Dio Trinità.

venerdì 16 marzo 2007

TOMMASO 6 SETTIMANE




Ciao Tommaso!I nonni Angela Bruno Tiziana Claudio e lo zio Giovanni ti mandano un grosso bacione telematico.
Speriamo di vederti presto!
Il nonno Claudio viene per il tuo battesimo


ALLE RADICI DI UNA STORIA



Riporto un'intervista fatta un po' di anni fa ma sempre attuale.
"Era movimento ogni espressione dei nostri interessi: tutto diventava immediatamente oggetto di iniziativa, faceva parte dell'esperienza comune. Era un clima che dominava le nostre giornate ed era un pullulare di gesti"
..."ho visto don Giussani per la prima volta. Ebbi la netta sensazione che fino ad allora il mio essere cristiano avesse limitato la mia umanità, perché chi prendeva meno sul serio il cristianesimo mi appariva più uomo. L'aver incontrato don Giussani ha coinciso con un'esperienza che è stata di pienezza di umanità."
Venivo sfidato a una decisione. Prima mi si chiedeva di imparare una dottrina da mettere in pratica. Ora, invece, tutto passava attraverso il mio io.
"Oggi si fa fatica a parlare in termini umani di Gesù Cristo. Allora, Cristo era dentro anche la matematica, cosa di cui ci accusavano dandoci degli integralisti".

LA CONVERSIONE VINCE IL MALE NELLA SUA RADICE


Il nostro caro PAPA e'continuamente attaccato criticato contestato.
Chi invece piu' di lui ci vuol bene?
I suoi continui richiami non sono legati all'osservazione di leggi.
Ripete che abbiamo necessita' di convertirci di cambiare modo di lettura della realta'
Ancora come un tempo "lo derisero gli lanciarono pietre e gli chiesero "se sei veramente il figlio di Dio perche' non chiedi a tuo padre di salvarti?"

giovedì 15 marzo 2007

PRIMA RISPOSTA ALL'INVITO DI COLLABORAZIONE


Cara Tiziana,
ho letto il tuo invito sul blog. Ho tra le mani questo
intervento sulla famiglia(Come tu sai in questo periodo problema grossoper me), che ritengo molto istruttivo e da meditare nella distrazione
della quotidianita'. Prova a guardarlo.
Auguri al tuo nipotino Tommaso
per le sue 5 settimane e a voi nonni. Un bacione a Giovanni. ciao Laura


COME USARE IL BLOG



Ciao Mamma,

penso che affinche il BLOG diventi piu comunitario e piu' letto, dovrebbe essere piu' succinto.

1- Il numero di articoli per GG max 3
2- Gli articoli dovrebbero essere il tuo commento a qualcosa che ti ha colpito di un altro articolo.

La scaletta dovrebbe essere qualcosa di questo tipo:


ANDREA E GIOVANNI SONO LA FIGURA DI QUELLO CHE DOBBIAMO FARE


Qui sotto riporto vari pezzi che mi aiutano a tenere alto lo sguardo.
L'importante nella mia vita e' riconoscere la Sua Presenza in tutto quello che faccio.
In tutto quello che mi accade.
Perche' Cristo sia sempre piu' "tutto in tutto" e' importante che io impari non delle regole ma che il mio sguardo sulla realta' tutta si converti.
Tutto mi richiama a Lui.Tutte le circostanza, tutta la letizia ,tutto il dolore ,tutta la fatica ,tutta la gioia ,tutto deve essermi di richiamo ad appartenere sempre piu' a Lui.

In don Giussani, , l’unità di parole, sguardo, attrattiva di grazia è continuamente riproposta e descritta davanti ai nostri occhi a partire dal commento che fa dell’incontro di Gesù con i primi due discepoli, Giovanni e Andrea, sintetizzabile nell’espressione: "Lo guardavano parlare"

mercoledì 14 marzo 2007

RENDIAMO PIU' COMUNITARIO IL BLOG


La possibilita' che questo blog possa essere usato da tutti in modo piu' attivo ci puo' essere.
Ogni lettore del blog puo' mandare un commento .
Mi e' stato segnalato che non sempre risulta semplice.
Per rendere la cosa piu' semplice potete mandarmi una mail.
(Anche qualsiasi commento mi arriva come mail poi lo metto sul blog.)
Potete segnalare anche se volete che il vostro intervento sia messo come commento o visualizzato come gli altri articoli del blog.
Questo potrebbe essere un inizio di lavoro comune.
Un inizio di giudicare tutto quello che capita insieme.
Una possibilita' di amicizia piu'profonda.
La possibilita' bella e che ognuno puo' intervenire quando ha un momento libero.
Tutti lo possono ascoltare quando riescono a collegarsi.
la mia mail e' tiziana.caggioni@virgilio.it

DON CAMISASCA ," L'ANTICLERICALE"


Libero 13 marzo 2007
di MARTINO CERVO

SE ROSI BINDI RUBA IL MESTIERE A PAPA RATZINGER




«Il dramma del Vaticano II consiste nel fatto che invece di essere stato gestito dai santi - come fu il Tridentino - è stato monopolizzato dagli intellettuali. Soprattutto è stato monopolizzato da certi teologi, il cui teologare partiva dal preconcetto di aggiornare la fede alle esigenze del mondo, e di emanciparla da una presupposta condizione di inferiorità rispetto alla civiltà moderna. Il luogo della teologia cessa di essere la comunità cristiana, cioè la Chiesa e diventa l'interpretazione dei singoli.


Libero 13 marzo 2007

di ANTONIO SOCCI