martedì 1 maggio 2012

Camisasca: «Oggi la famiglia può vincere la sfida del “per sempre”»



Pubblicato ilaprile 30, 2012

camisasca-massimo

Tempi aprile 30, 2012 Carlo Candiani
Don Massimo Camisasca, a margine della presentazione del suo “Amare ancora. Genitori e figli nel mondo di oggi e di domani”, risponde a tempi.it: «Appartenere oggi fa paura, ma è l’unico modo per essere felici».
«Ho voluto raccontare l’esperienza della famiglia come luogo necessario per un uomo e una donna, il cui amore porta in sé una pretesa: che possa durare per sempre. Ma il desiderio di eternità, che è costitutivo dell’amore tra uomo e donna, è continuamente messo in discussione, fuori e dentro di noi. La nostra sfida è nella decisione di chiedere, con umiltà, delle mani che ci aiutino» Così don Massimo Camisasca, fondatore e superiore generale della Fraternità San Carlo Borromeo, ha presentato sabato 28 maggio a Milano insieme al giornalista del Giornale Stefano Filippi uno dei suoi ultimi libri: Amare ancora. Genitori e figli nel mondo di oggi e di domani (Ed. Messaggero di Padova). L’incontro, che si è svolto a poche settimane dall’incontro mondiale delle famiglie che si terrà a Milano fine maggio, si è focalizzato sul vero significato dell’unione matrimoniale: «La famiglia nasce dalla scoperta che io non basto a me stesso – ha detto Camisasca a tempi.it -, l’autosufficienza è la menzogna più grande della vita».
Nel suo libro, lei scrive: “Appartenere fa paura”. Che cosa significa?
Molti pensano che l’appartenenza significhi una riduzione di libertà; si dimentica che, all’opposto, l’uomo è libero quando è felice, ed è felice quando ama e si sente amato: nell’esperienza dell’amore sta il vertice dell’esperienza dell’appartenenza. Senza appartenenza non c’è sviluppo dell’umano. Quindi, libertà e appartenenza non solo non si escludono ma si implicano profondamente l’un l’altro. Quanto più riconosco quali sono le realtà che possono aiutare la realizzazione di me stesso, quali sono le persone, insomma, da cui sono amato e che amo, tanto più sono libero.
La famiglia oggi può ancora raccogliere la sfida del “per sempre”?
L’esperienza della famiglia è stata voluta da Dio per aiutarci a realizzare ciò che ci costituisce come uomini: quindi il modo migliore per fare camminare l’esperienza familiare è di vivere luminosamente confidando in Dio.
Lei è il fondatore di una fraternità sacerdotale, è superiore generale di un seminario. Il suo è un ruolo di “padre” per i giovani che vivono la vocazione sacerdotale. Anche lei ha “messo su famiglia”?
La vocazione è una sola ed è quella che ci è data nel Battesimo e poi si specifica. Ma ciò a cui siamo chiamati, tutti, è la stessa strada ed è la realizzazione della persona che avviene nella scoperta del servizio al Regno di Dio nel mondo e nell’aiuto agli altri a scoprire la Verità e il bene.
Un sacerdote che spiega che cos’è la famiglia. Non è strano?
Se ha un senso la vita sacerdotale, è proprio quello di aiutare gli uomini. Quindi, c’è un profondo legame tra tutte le vocazioni.

Scrivi qui il resto dell'articolo
Posta un commento