lunedì 19 aprile 2010

ASCOLTANDO LA MIA STORIA RATZINGER HA PIANTO

...«Mi ha molto colpito il fatto che provasse una grande pena. Si vedeva che stava soffrendo con me. Io non volevo farlo soffrire, non gli ho raccontato gli abusi che ho subito, ma lui ha pianto insieme a me, pur non avendo alcuna colpa per ciò che mi è accaduto».....

.....«Non avevo più fede nei preti, ora, dopo quest’esperienza commovente che mi è capitata, ho ricominciato a sperare. Voi in Italia avete un santo. Capito? Avete un santo»......

....Si aspettava questo incontro?
«No, è stato un grande regalo per me, essere accolto in questo modo e ascoltato da lui. Avevo ascoltato il suo discorso all’aeroporto, sabato pomeriggio, non c’era alcun cenno al problema degli abusi. Ma stamattina (domenica 18, ndr), dopo le nove, ho ricevuto una telefonata: dovevo andare a casa del vescovo perché ci avrebbe portato dal Papa. Ho avuto finalmente un po’ di pace grazie a quest’incontro. Mi ha dato un rosario, questo che porto al collo ora»......


«È stato un regalo davvero bellissimo, dopo tutta questa sofferenza, abbiamo pianto tutti, anche il Papa ha pianto». Joseph Magro ha 38 anni, e mostra con orgoglio il rosario che ha appena ricevuto dalle mani del Papa. Insieme con altre sette vittime di abusi sessuali subiti nell’orfanotrofio San Giuseppe, ha potuto parlare a tu per tu per qualche minuto con Benedetto XVI lontano dalle telecamere, nella cappella della nunziatura.
Può raccontare che cosa le è successo?


«Ho subito abusi sessuali a partire dall’età di quindici anni, tra il 1988 e il 1990, nell’orfanotrofio San Giuseppe. Un sacerdote, padre Charles Pulis, veniva a svegliarmi la mattina e mi baciava in bocca, poi mi masturbava. Io non potevo parlare, non potevo ribellarmi, non potevo dire nulla, perché minacciava di buttarmi fuori dall’istituto. Da sette anni si è aperto il processo, ma non abbiamo ancora avuto la sentenza, non abbiamo ancora avuto giustizia».
Com’è andato l’incontro con il Papa?
«Non avevo più fede nei preti, ora, dopo quest’esperienza commovente che mi è capitata, ho ricominciato a sperare. Voi in Italia avete un santo. Capito? Avete un santo».Posso chiederle quali parole vi siete scambiati con Benedetto XVI?
«Quando gli ho detto che mi chiamavo Joseph, il Papa ha spalancato gli occhi: “Joseph come me!”. Gli ho chiesto: “Perché quel sacerdote mi ha fatto questo, perché ha abusato di me?”. Lui mi ha risposto dicendomi che prega per me, e abbiamo pregato insieme».
Come reagiva il Papa in quei momenti?
«Mi ha molto colpito il fatto che provasse una grande pena. Si vedeva che stava soffrendo con me. Io non volevo farlo soffrire, non gli ho raccontato gli abusi che ho subito, ma lui ha pianto insieme a me, pur non avendo alcuna colpa per ciò che mi è accaduto».Si aspettava questo incontro?
«No, è stato un grande regalo per me, essere accolto in questo modo e ascoltato da lui. Avevo ascoltato il suo discorso all’aeroporto, sabato pomeriggio, non c’era alcun cenno al problema degli abusi. Ma stamattina (domenica 18, ndr), dopo le nove, ho ricevuto una telefonata: dovevo andare a casa del vescovo perché ci avrebbe portato dal Papa. Ho avuto finalmente un po’ di pace grazie a quest’incontro. Mi ha dato un rosario, questo che porto al collo ora».
Posta un commento