lunedì 8 ottobre 2007

MADRE TERESA IL MIRACOLO DELLA CANONIZZAZIONE


di mons. Tommaso Stenico

Quando si dice… gli scherzi di Dio!
Mentre, recentemente, i sempre … bene informati … i menagrami… coloro che vorrebbero dare lezioni anche al Buon Dio e insegnare alla Chiesa il suo mestiere avevano rilanciato il vuoto spirituale, le crisi mistiche, la dolorosa e difficile ricerca di Dio che per mezzo secolo tormentò e rese infelice Madre Teresa di Calcutta, la risposta non si è fatta attendere.

Madre Teresa ha compiuto il miracolo che le aprirà la via della canonizzazione proprio nel giorno anniversario della sua morte.

A lei è attribuito il miracolo di guarigione di un sacerdote salesiano in India da un calcolo renale.

Lo racconta lo stesso “miracolato”, p. V. M. Thomas di Guwahati, Assam. Secondo il sacerdote, che ha conosciuto da vicino la Beata, la “scomparsa” del suo male è avvenuta proprio per intercessione di Madre Teresa.

Il calcolo di cui soffriva p. Thomas è scomparso lo scorso 5 settembre, quando il giorno successivo avrebbe dovuto sottoporsi ad un intervento.

Il giorno 5 - data del 10° anniversario della morte di Madre Teresa - egli aveva celebrato messa e pregato la Beata. “Il calcolo - spiega - era grande 1, 3 cm e mi ha causato forti dolori addominali per mesi. Dopo esami clinici in un ospedale di Guwahati, per dissolverlo mi hanno prescritto medicinali, che però si sono dimostrati inefficaci; così mi è stato consigliato un intervento”. “L’operazione doveva svolgersi il 6 settembre – continua il sacerdote – ma il giorno prima il chirurgo mi ha concesso il permesso di uscire dalla clinica per andare a celebrare messa al Shishu Bhavan, una delle case delle Missionarie della Carità.

Durante l’Eucaristia ho chiesto ai fedeli di pregare per me, tramite intercessione di Madre Teresa”.

Il giorno dopo, quando il paziente si è sottoposto al tradizionale esame radiografico pre-operazione, i dottori non riuscivano più a vedere la posizione del calcolo renale.

Una seconda radiografia è risultata negativa. A questa è seguita una risonanza magnetica, anche questa con esito negativo.

L’intervento è stato così annullato perché il calcolo era “sparito”. “Gli stessi dottori – aggiunge p. Thoams – hanno certificato il mio caso come un miracolo”. Infatti il chirurgo ha certificato che «la scomparsa del calcolo non ha spiegazioni mediche». Il calcolo sarebbe stato miracolosamente rimosso dal corpo del salesiano durante la celebrazione della messa a Shishu Bhavan, una casa per bambini abbandonati che Madre Teresa aveva fondato a Guwahati.

Anche secondo mons. Thomas Menamparampil, arcivescovo di Guwahati, la guarigione del sacerdote “è al di sopra di ogni spiegazione umana o scientifica”. L’arcivescovo ha inoltrato i referti scientifici: manca solo il definitivo sigillo vaticano sulla guarigione del sacerdote.

P. Thomas ha lavorato a stretto contatto con la Beata per 10 anni. “Nel 1980 – racconta il sacerdote - come direttore della scuola dei Salesiani e rettore dell’Istituto a Guwahati, ho aiutato Madre Teresa ad aprire in città la sua casa per bambini abbandonati (la Shishu Bhavan) e a sensibilizzare la popolazione e l’amministrazione locale, inizialmente ostili al suo lavoro. Ricordo che mi diceva sempre: ‘i poveri vanno serviti e amati a tutti i costi’.

Il suo esempio e il suo carisma continuano a guidare il nostro lavoro e la nostra missione nella società”.

E la notte oscura di Madre Teresa?

Ma quella è la notte dei grandi Santi!

Per la Chiesa (anche Papa Benedetto ne ha parlato nell'incontro con i giovani a Loreto) la notte oscura dimostra esattamente la "grandezza" della religiosa.

Possiamo davvero dire chefinora di Madre Teresa si conosceva l'aspetto esteriore, quello della carità. Adesso invece abbiamo il privilegio di conoscerne quello interiore, di poterne vedere anche il cuore.

Ovviamente sul miracolo attribuito a Madre Teresa dovrà pronunciarsi ora la Commissione Medica e la Commissione Teologica della Congregazione per le Cause dei Santi.

Ma le premesse ci sono tutte.

Per la gloria di Dio e per il bene delle anime!
Posta un commento